LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI – DEDUZIONI E DETRAZIONI

 

Cosa sono le deduzioni?

La deduzione è una riduzione del reddito complessivo da cui risulta il reddito imponibile. Il più classico degli esempi di oneri deducibili sono i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari.

 

Quali sono le principali spese che danno diritto alla deduzione?

I principali oneri che danno diritto alla deduzione sono:

  • i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori o volontari versati;
  • le erogazioni liberali in favore di particolari tipologie di Onlus;
  • assegni periodico corrisposto al coniuge in seguito a separazione legale ed effettiva;
  • contributi per gli addetti ai servizi domestici e familiari (colf, bay sitter, …);
  • spese mediche e di assistenza specifica per persona con disabilità;
  • contributi versati ai fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale (fondo est, …);
  • contributi ed erogazioni a favore di istituzioni religiose;
  • erogazioni liberali in denaro o in natura a favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale;
  • erogazioni liberali in denaro a favore di enti universitari, di ricerca pubblica e vigilati, nonché degli enti parco regionali e nazionali.

 

Cosa sono le detrazioni?

La detrazione è, invece, una riduzione dell’imposta calcolata applicando le aliquote IRPEF al reddito imponibile.

Le detrazioni, a seconda della loro natura, danno diritto alla sottrazione dall’imposta lorda di:

  • un importo forfettario calcolato in funzione del reddito: es. detrazioni per carichi di famiglia;
  • una percentuale delle spese sostenute.

 

Quali sono le principali spese che danno diritto alla detrazione?

Le spese sostenute (anche per familiari a carico, reddito al lordo degli oneri deducibili inferiore o uguale a 2.840,51 euro) più comuni che danno diritto alla detrazione sono:

  • spese sanitarie;
  • spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti;
  • spese per persone con disabilità;
  • spese veicoli per persone con disabilità;
  • spese per l’acquisto di cani guida;
  • interessi per mutui ipotecari per acquisto abitazione principale;
  • interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili (se contratti ante 1993, per quelli contratti nel 1991 e 1992 la detrazione spetta solo per l’acquisto di immobili da adibire a propria abitazione diversa da quella principale e per i quali non sia variata tale condizione);
  • interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio;
  • interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale (intestatario del mutuo e acquirente dell’immobile devono coincidere);
  • interessi per prestiti o mutui agrari;
  • spese per istruzione diverse da quelle universitarie;
  • spese per istruzione universitaria;
  • spese funebri;
  • spese per addetti all’assistenza personale;
  • spese per attività sportive per ragazzi;
  • spese per intermediazione immobiliare (su acquisto abitazione principale);
  • spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuorisede (in un Comune ad almeno 100 km di distanza da quello di residenza e comunque in una diversa Provincia);
  • erogazioni liberali a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o eventi straordinari;
  • erogazioni liberali alle società ed associazioni sportive dilettantistiche;
  • erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso;
  • erogazioni liberali a favore delle associazioni di promozione sociale;
  • erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia;
  • spese relative a beni soggetti a regime vincolistico;
  • erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche;
  • erogazioni liberi a favore di enti operanti nello spettacolo;
  • erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale;
  • spese veterinarie;
  • spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi;
  • erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado;
  • spese relative ai contributi versati per il riscatto degli anni di laurea dei familiari a carico;
  • spese per asili nido;
  • erogazioni liberali al fondo per l’ammortamento di titoli di Stato;
  • premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni;
  • premi per assicurazioni per rischio di non autosufficienza;
  • erogazioni liberali a favore delle Onlus (26%);
  • erogazioni liberali a favore dei partici politici (26%);
  • altre spese detraibili (l’importo indicato deve comprendere quelle indicate in CU con codice 99).

 

N.B. il presente elenco non riporta le spese sostenute per il recupero del patrimonio edilizio, quelle sostenute per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti, e le detrazioni forfettarie previste in caso di locazione; queste detrazioni, meritevoli di particolare attenzione, sono infatti trattate in articoli appositi.

 

FONTI:         Istruzioni per la compilazione  – Agenzia delle Entrate

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!
I commenti non sono disponibili.